Translate

sabato 13 ottobre 2012

Come promesso, le tinture di Manuela Nuccilli!!

Tingere la lana è una dipendenza, provoca assuefazione. Diventa un chiodo fisso. Ma stasera che metto a macerare? Oggi che si raccoglie? Appena apri gli occhi, ti butti giù dal letto e corri a vedere il risultato del bagno di colore notturno. La sera non è mai ora di smettere, hai voglia a ‘nzuglià. Ho passato alcune tra le migliori serate, così. Te ne stai là, tra le pentole che sobbollono, le matasse che si asciugano e le piante che ti aspettano. La cucina diventa una giungla di odori e colori. È il tuo regno. Sperimenti e sei contenta. Dopo aver tinto la lana, nel colore avanzato immergi anche altro: una maglietta, un canovaccio,…. i capelli (ebbene sì)! Stai là a vedere che succede al tuo colore se lo rendi acido, o basico. Bè, quelle sono vere e proprie magie! E poi te ne vai in giro con i tuoi preziosi appunti e le mani tutte sporche per giorni e sei così soddisfatta che sembri invasata!
Condividere l’esperienza è ovviamente un piacere, specie se lo si fa con qualcuno che apprezza l’interesse: sensazioni tattili, visive e olfattive, silenzi, formule e calcoli, delusioni, sorprese, stanchezza e aspettative, intuizioni, ricerca e messa a punto… Raccogliere, poi, è già di per sé un’attività mistica.
È quindi con gioia che sfrutterò l’invito di Valeria a raccontare la mia esperienza di tintura sulla lana che lei mi ha fornito.
Anni fa regalai a mio fratello e a mia cognata, appena sposi, una coperta lavorata a maglia da me e sapientemente confezionata dalle esperte mani di chi mi insegnò l’arte dei ferri: mia madre e sua sorella, mia zia. Un lavoro sopraffino. Le donne sono naturalmente attratte dalla lana. La lana di quella coperta era comunissima, con percentuale sintetica, già tinta. Quando ho conosciuto Valeria al corso di tinture naturali, l’idea è stata quasi ovvia: lana naturale, tintura naturale, artigianato puro, una meraviglia! Il procedimento poi sarà lo stesso: le mie più recenti antenate (madre e zia) ultimeranno il lavoro.
In poco tempo, la visione si è fatta talmente chiara che ho perseguito, dapprima con precauzione poi con disinvoltura, le mie intenzioni. La tintura mi ha impegnato un paio di mesi. Quando non ero impegnata a lavoro, ero a casa a tingere oppure in giro a procurarmi le materie prime.
 
Al principio fu la NOCE, con le sue profumatissime foglie. Visto il timore dei primi passi il risultato è stato soddisfacente. Un marrone chiaro e bello vivo.
A seguire è stata la volta del Signor IPERICO, pianta che mi incute curiosità e rispetto. Prima delusione: mi aspettavo un bel verde e invece salta fuori una specie di senape. Che fare? Tutto sommato era brillante e caldo, ci piaceva. E poi, avevo 25 matasse… senape in più, senape in meno…
Quindi è stato il turno di sua maestà Anthemis (camomilla del tintore), la reginella. Con lei non puoi sbagliare. È esattamente come si presenta, e ciò che promette mantiene. E infatti quel giallo spicca tra tutti: vivace, sicuro di sé, stabile, allegro.
Invidiose, le signorine Menta e Ortica, hanno iniziato a frignare che volevano mostrarsi anche loro. Poiché ero sprovvista di misure di riferimento, sono andata un po’ alla cieca e devo dire che quelle due non mi hanno aiutata per niente. Dopo “soli” 8 bagni, abbiamo ottenuto, tra l’una e l’altra pianta, due verdoni militare che, per quanto passabili, non erano il verde che noi desideravamo.
Sapete che l’equiseto è presente sulla crosta terrestre da milioni di anni? Non potevo non fare un tentativo per quella che sarà una coperta ancestrale, anche perché voci di corridoio dicono che venga fuori un bel verde, dall’equiseto. E invece no. Indovina che viene fuori? Giallino paglierino. Ormai al verde che dicevo io ci avevo rinunciato. Il giallo equiseto ce lo siamo tenuto e abbiamo pensato di usarlo come base per ulteriori tinture.
Così è stata la volta della pianta esotica! Ci siamo confrontate col karkadé. Bene: il bagno era fucsia, la lana grigia, le maledizioni a iosa.
Ma ho insistito e, dopo un altro bagno, ridotti al minimo gli sbalzi termici, ho ottenuto un rosa chiaro, tendente al lilla, quantomeno decoroso. 
 Più avanti si è sperimentato con la paprika. Lei è una tipa difficile, se ne sta lì un po’ svogliata, ti guarda, si annoia. Alquanto smorta, triste, spenta… ma io ho avuto un’illuminazione e le ho somministrato una bella razione di rooibos… vedessi come si è ringalluzzita! È quella arancione, nel bel mezzo degli altri colori. [Consiglio: non usate paprika piccante. Quando andate a sciacquare vi si mette in gola e non vi molla più! Noi altri abbiamo tossito per giorni in casa!]. 
 
E a questo punto entra in campo Mister Sambuco. Il sambuco è pazzo. Lo dico con cognizione di causa, e la gamma di grigi ottenuta da Roberta, cognata di Valeria, è una ulteriore prova della sua insanità mentale (del sambuco). Molto probabilmente Roberta è giunta ad un grado di controllo e di maestria, che lui non può più nulla senza il suo consenso, ma io non ci ho capito proprio niente! Se l’è cantata e se l’è suonata, il sambuco, e ha fatto tutto da solo… o quasi… sul finire ci ho messo del mio.
È andata così: dapprima ho immerso una matassa giallina (da equiseto) nel bagno di bacche di sambuco (viola denso) e l’ho lasciato in pace per una notte intera. Il giorno dopo risciacquo e che mi esce fuori? Verde! Un verde vero! Il verde che perseguivo da un mese! Figlio di un giallino e di un viola. Non mi sembrava possibile, io in quel verde non ci speravo più. 


Volendo reiterare l’esaltante esperienza, reimmergo un’altra matassina giallina nel misterioso liquido, questa volta a caldo. Risultato: bordeaux scuro….. mmmm….. Va bene, ci sta, ne avevo bisogno, è un bel colore, inventando storie e scavalcando così a pié pari qualsiasi tipo di sconforto, indignazione e/o imprecazione. Del resto la pazienza è veramente un ingrediente fondamentale nella tintura. Va salvaguardata.
Infatti ci riprovo: altri due etti di lana giallina nel bagno di sambuco, senza fornire calore. Il risultato questa volta è un vero e proprio disastro: chiazze sovrapposte di giallo e di blu. La lana sembrava impazzita anche lei, contagiata da quello psicopatico del sambuco.


Ormai però le mie tinture non avevano più davanti una pivellina. L’esperienza mi aveva forgiata e affinata. E il mio empirismo mi ha consigliato di aggiungere un bagno unico di verde (da ortica) e di giallo (da curcuma) e ribollire tutto. Ed eccolo là: il mio verdino acido, figlio del caso e della perseveranza. Insomma una contraddizione vivente!
So di aver provato anche la cicoria ma non mi ricordo che fine le ho fatto fare. 

La coperta è ancora in fasce, anzi è appena un embrione. Quando sarà ultimata, sarete i primi a saperlo. Per me lavorare a maglia è una sorta di meditazione e farlo con soli elementi naturali tra le mani mi invita ancor più alla contemplazione. Inoltre, conoscere colei che con fatica ha prodotto ciò che sto trasformando, mi conforta e mi rassicura. 
Valeria grazie di tutto, spero che il tuo lavoro possa proseguire sereno e pieno di frutti  per te e per quanti ti sono vicini. 
A presto. Manu

8 commenti:

  1. Io dico sempre "insisti e resisti chè raggiungi e conquisti"!!! Brava Manu, brava davvero! Grazie per la testimonianza e per aver condiviso con tutti! Ti abbraccio con affetto ed aspetto altre notizie.

    RispondiElimina
  2. Il risultato dei tuoi colori, lo stato beato che si raggiunge nel vederli formarsi tra i vapori e il benessere che ti danno le passeggiate in montagna per reperire le materie prime, valgono ben le schizzofrenie di uno sciocco "sambuco"!
    Bravissima ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie ant. evidentemente conosci l'arte della tintura, l'immagine del vapore è molto eloquente... il sambuco ci ha messo alla prova e abbiamo comunque imparato molto da lui, nonostante tutto! grazie

      Elimina
  3. bello...mia hai fatto tornare la voglia di riprovare ..grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao antonella. facci sapere!
      grazie a te

      Elimina
  4. Non chiedermi come sono arrivata a te ma apprezzo tantissimo l'impegno, il lavoro che hai fatto e i risultati...sorprendenti!! Che importa se i colori cambiano e le aspettative sono disattese, la cosa bella è che hai sperimentato ...con gioia!! E non è poco di questi tempi ciao Lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmmm... come sei arrivata a me? hai colto il punto Caralulù, l'importante è sperimentare con gioia. grazie per gli apprezzamenti

      Elimina