Translate

lunedì 1 luglio 2013

Un patrimonio da riqualificare...






 
Chiamo Borgo un paese abbandonato, per rispetto di una memoria passata che ho sentito solo raccontare... Io non ho vissuto qui la mia infanzia, ma ho ascoltato tanti racconti dei nonni di Ovidio, che non hanno lasciato la loro casa in quella rua, e che un tempo vivevano circondati non da gente, ma da famiglie intere, con figli, nonni, genitori, zii e zie. Ogni vicolo era abitato, c'erano le stalle con gli animali, le Chiese in cui pregare.. Oggi le Chiese sono chiuse e sconsacrate, la stalle solo grandi grottoni pieni di immondizie, e le case... le case vittime dell'usura del tempo e l'incuranza o l'assenza o semplicemente l'impossibilità di chi ancora oggi le possiede. Mi sono fermata spesso a riflettere, durante le mie passeggiate con Ovidio, con i figli, sola, sola ed incinta, con i miei genitori, con le mie cognate... Possibile che si trascuri tanta ricchezza? Possibile che la gente speri nel piano regolatore di turno, o in quel terreno edificabile o in quello agricolo dove cmq si trova il modo per costruire? 
So che il terremoto ci ha terrificato, c'ero anch'io con Ambra piccola nel nostro lettone quella notte, ma questo non ci giustifica nell'abbandonare tutto. 
I miei genitori mi hanno continuamente spinta ad acquistare un terreno dove costruire una sicurissima casetta di legno, ed io mi sono sempre chiesta: e l'agricoltura? 
La nostra agricoltura che non è "ufficialmente" biologica (perchè per sostenere i costi di tale titolo devi avere almeno 30 ettari coltivati...) è cmq un'agricoltura buona (che dirla così per fortuna non costa nulla!!), non usa alcuna sostanta artificiale e concima solo con il letame delle pecore allevate... Crea vita e vallate meravigliose, appezzamenti interi di colori diversi, profumi dolci con migliaia di api che bottinano pollini di molteplici varietà... E poi lepri, cinghiali, lupi, astute volpi... Cosa coltiverà Ovidio, e come lui tutti gli agricoltori aquilani, se ogni abitante decidesse di costruire una casa in un bel terreno ben esposto al sole? 
Ho maturato questo pensiero negli anni: non si possono occupare altri terreni quando c'è un centro sorico che piange una memoria rigogliosa, siamo responsabili di quello che lasciamo, bisogna valorizzare ciò che si possiede, ciò che esiste già, così è stato per la lana, così sarà per la nostra casa, perchè anche se non l'abbiamo ancora acquistata, so che sarà una vecchia casa abbandonata, in un vicolo probabilmente deserto di Barisciano, dove spero un giorno di vedere i miei figli giocare a campana con i loro amichetti nella piazzetta di fronte...
 
 

7 commenti:

  1. Valeria, che donna che sei! Te lo auguro di cuore, che la possiate comprare una vecchia casa abbandonata e che un giorno i tuoi figli giochino sulla piazzetta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina buon giorno... Forse forse ce la facciamo...

      Elimina
  2. Le tue domande sono più che giuste ma forse le risposte più comuni non sarebbero quelle sperate da te (e anche da me). Una goccia nell'oceano può fare la differenza ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. saremo tante piccole goccioline, ma cambieremo il mondo! Almeno me lo auguro... Sai che in qualche comune si parla già di Piano Regolatore Generale a "volumi zero"? Non siamo poi così sole... Ti abbraccio e mi faccio sentire presto. Vale

      Elimina
  3. Ciao Valeria, e' vero anche da noi molti cercano il nuovo lasciando alcuni angoli di paesi disabitati.
    Ho detto molti, perché per fortuna qualcuno ha il buongusto di ristrutturare e dar luce a dei veri capolavori d'abitazioni, mantenendo le vecchie caratteristiche.Forse dipende dal tipo di contributo che riescono ad avere e dalla zona, ci sono paesi che lasciano decadere la parte vecchia ed altri all'opposto che sono una meraviglia.Pero' negli ultimi anni c'è un po' la rivalorizzazione dei vecchi mestieri, delle vecchie abitazioni, dei cibi naturali di una volta. Speriamo sia un inizio. Ti auguro buona estate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E me lo auguro anche io!! Ciao Birbolina!! Tu abiti in un Regione con persone molto civili!! Noi abbiamo l'Abruzzo che è meraviglioso, ma non tutti gli abitanti hanno compreso quanto sia importante riqualificare.. per cui trovi quasi completamente i centri storici dei paesi abbandonati, e le periferie piene invece di grandi villoni... Mah!

      Elimina
    2. grande Valeria condivido pienamente il tuo discorso e il tuo desiderio ...che tu possa realizzarlo...

      Elimina